FANDOM


Galline in fuga

L'esercito dei Galli fugge di fronte a quello Romano.

“Cesare si è ispirato ai miei bestseller!”

- Geronimo Stilton commenta il De Bello Gallico


Il De Bello Gallico è un bestseller scritto dal portiere dell'Inter Julio Cesar, in arte Giulio Cesare, che, trovandosi a corto di denaro e non sapendo come ripagare i suoi debiti di gioco, decise di scrivere quest'opera di grande successo che si è piazzata al 99° posto della classifica dei cento libri più venduti secondo TV Sorrisi e Canzoni.
Il De Bello Gallico narra della guerra avvenuta tra i romani, guidati da Giulio Cesare, e i Galli, comandati da Vercingetorige.

I Galli

Per Gallo si intendono due cose:

“Nome del maschio del gen.Gallus e di altri Galliformi”

- Piero Angela dixit

“Popolazione barbara che vive in Gallia”

- Cesar dixit

Per chi non lo avesse ancora capito l'articolo non tratta dei galli intesi come pennuti.
I Galli, chiamati anche Celti o Polli, erano una popolazione originaria del Galles che si era trasferita in Puglia e aveva posto la sua capitale a Gallipoli.

“Chicchirichiii”

- Urlo di guerra dei Galli

Non erano dotati di grande intelligenza e vivevano in piccoli villaggi, detti Pollai.

“La vita è come la scala di un Pollaio: corta e piena di merda!”

- Si dice che Cesare, dopo aver visto una tipica abitazione Gallica, abbia pronunciato queste medesime parole

Nonostante fossero in inferiorità numerica, I Galli riuscirono a tenere testa ai Romani grazie alla Pozione Magica, detta anche Activia: si tratta di una sostanza dopante a base di OGM e Bifidus Actiregularis.

Gli eserciti

Stemma Roma

L'insegna militare dei Romani

Gli uomini più importanti dell'esercito romano erano:

  • Julio Cesar
  • Francesco Totti
  • De Rossi
  • Bruno Conti
  • Romano Prodi

Dei Galli i più forti erano:

  • Vercingetorige
  • Asterix
  • Obelix
  • Alessio Tacchinardi
  • Sergio Tacchini
  • Francesco Amadori
  • Chicken Little

Le cause della guerra

Non sono ancora del tutto chiare le cause della Guerra Gallica ma gli storici hanno avanzato alcune ipotesi: una vuole che i Romani abbiano dichiarato guerra ai Galli a causa delle loro abitudini alimentari: infatti i Romani non gradivano le carni bianche.
L'altra, la più affascinante, vede nelle cause della guerra un motivo economico: già da tempo Cesare era intenzionato a conquistare la Puglia, dove risiedevano i Galli, poiché questa era una regione ricca di petrolio e soprattutto qui venivano prodotte le orecchiette con le cime di rapa di cui Cesare andava matto.

La fine della guerra

Secondo i libri di storia la guerra finì quando Cesare, dopo un lungo assedio, riuscì ad espugnare Gallipoli e Vercingetorige fu condannato al rogo, diventando il primo Pollo arrosto della storia.
In realtà, come ha recentemente dimostrato il programma Voyager, i Galli furono decimati dal virus dell'influenza aviaria e furono costretti alla resa.

Collegamenti esterni